Sonnenstube

Giovanni Lami - मेम वेर्म [mema verma]
22.10.2014

LIVE

Mercoledì 22 ottobre Sonnenstube ospita Giovanni Lami col suo ultimo lavoro मेम वेर्म [mema verma].

Il concerto sarà inoltre registrato con la collaborazione tecnica di Radio Gwendalyn e finirà sulla piattaforma di un interessante progetto web/radio nazionale gestito da Oslo 10 di Basilea.

मेम वेर्म è uno studio mirato all’utilizzo acustico completo di un solo strumento, unito al processing digitale del materiale registrato: uno shruti box con intonazione più bassa rispetto ai
tradizionali indiani è principalmente usato senza emettere alcuna nota, ma campionando l’elaborazione dei soffi, dei fischi e rumori generati dalle ance e dal corpo stesso.
L’evoluzione all’interno delle tracce che compongono il lavoro è come una metamorfosi della stessa idea, dove il suono è sempre più rarefatto, perdendo gradualmente la connotazione concreta, spezzata e incerta iniziale fino a diventare un drone quasi statico. Il nome stesso del lavoro è una sorta di “grammelot” in sanscrito, riflettendo così ancora una volta sull’approccio al mezzo/strumento, trattato in modo molto diverso dal suo uso tradizionale.

Dal vivo sarà accompagnato dai video elaborati in tempo reale di Natalia Trejbalova. La videoproiezione si basa sul tema del non funzionamento: frammenti di video scaricati da internet assumono le forme di una scrittura ornamentale e, unitamente alle visualizzazioni tridimensionali di fenomeni fisici, vengono alla fine ridotti a pura decorazione.

Uscito il 23 maggio per Kohlhaas su LP 12” in edizione limitata, presenta
grafiche di Giovanni Battista De Pol/Dead Meat [www.deadmeat.it], realizzate in stampa serigrafica da CORPOC [corpoc.com].
Il mastering è stato curato da Giuseppe Ielasi.

http://vimeo.com/92504856

http://kohlhaas.bandcamp.com/album/giovanni-lami-mema-verma

Giovanni Lami (1978) è un field recordist e musicista che lavora all’interno del soundscape, della ricerca elettroacustica e della sound-ecology.

Laureato in Scienze e Tecnologie Alimentari all’Ateneo di Bologna ed in Fotografia allo IED, come fotografo ha realizzato esposizioni collettive e personali nazionali ed estere, pubblicato libri e lavorato con diverse realtà commerciali.
L’approccio verso la materia sonora è lo stesso messo in pratica nel passato in fotografia, utilizzando principalmente registrazioni ambientali (field recordings) e segnali processati in tempo reale; l’universo infinito di suoni che ogni giorno ci circonda e la loro manipolazione è la base del suo modus operandi, affiancato allo studio delle
superfici risonanti sul campo e alla ricerca multispeaker.

dalle 18.00



entrata libera